PIAZZA DELLA SCALA

architecture & landscape

<

>

+++

Client: Comune di Milano

Location: Milano, Italy

Program: Urban planning

State: Competition

Team: CSMA

 

 luogo di aggregazione, di esibizione, di divertimento, e di monumentalità,

che permette una fruizione dinamica e intensa di questa parte di città valorizzando il rapporto di questa con gli edifici ed il contesto urbano e culturale.

La dicotomia della piazza nei confronti della città è stata affrontata e superata creando un nuovo rapporto con gli edifici che la circondano, soprattutto con il Teatro della Scala che diventa generatore del un nuovo disegno, ristabilendo un equilibrio e un dialogo con la piazza.

Dell'attuale disegno della piazza si è scelto di mantenere gli elementi più significativi, come la statua, la fontana e gli elementi architettonici disegnati dal Beltrami, che rivivono con rinnovata modernità nel nuovo scenario urbano.

Il disegno della piazza è generato proprio dai rapporti e dalle giaciture degli edifici che insistono su di essa, la griglia che si forma dall'interazione di queste "forze urbane" diventa il disegno su cui si innestano gli elementi architettonici.

La rigidità di questa griglia accoglie la forza Del Teatro: questa , "piegandola e deformandola", crea un piccolo anfiteatro, una dolce gradinata, che diventa punto di raccordo tra i due ambiti urbani.

Il sistema di viabilità è stato soggetto a poche modifiche: la parte rimanente della piazza verrà risolta lavorando su Largo Raffaele Mattioli rendendo quest'ultimo un'area verde di collegamento legata da un viale alberato, vietando il parcheggio selvaggio ma permettendo comunque un transito controllato per vetture con permessi speciali. A fianco del viale correrà inoltre la pista ciclabile prevista proveniente da Via Giuseppe Verdi.

Si è scelto invece di non modificare la viabilità su Via Manzoni, essendo quest'ultima un'arteria fondamentale per il traffico urbano. Anche la linea tramviaria non subisce alterazioni.

Lo studio di un arredo urbano "tecnologico" vuole rendere questo luogo uno spazio di attesa per gli edifici esistenti, in cui le persone possono vivere la piazza in modo più confortevole e sociale.

Ogni cosa è stata configurata per migliorare “l’esperienza d’uso”. Si è immaginato un sistema capace di migliorare il confort della piazza,  attraverso l’uso di materiale refrattario le panchine sfruttano lo sfasamento termico giorno/notte rendendo più confortevole la seduta, gli elementi di illuminazione si configurano come ombraculi durante il giorno e possono essere attrezzati con tecnologie wi-fi e di raffrescamento, le alberature disposte in filari servono da filtro acustico visivo nei confronti della circolazione di servizio all’interno della piazza come in alcuni punti una maggiore concertazione di alberi permette di ricreare delle zone d’ombra adatte alla sosta ed al relax (Largo Mattioli).

 

 

 

centrostilemilanoarchitetti

© 2016 CSMA     |     design francesco piazza

M  P  V

M  P  V

centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz

>

TOP

centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz
centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz
centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz
centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz
centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz
centrostilemilano a Milano, MI, IT su Houzz

M  P  V